Il Renon vince la Supercoppa 2018

La finale della Supercoppa Italiana, giocata all’Agorà di Milano, finisce con la vittoria del Renon (Foto Carola Semino), che giovedì sera ha battuto i padroni di casa di misura per 5:4 dopo i tempi supplementari. Con questa vittoria, i “Buam” conquistano per la quarta volta nella loro storia questo trofeo.

Entrambe le squadre si sono già affrontate nella finale dell’anno scorso, con la formazione di Collalbo che si è imposta con il più largo successo nella storia della Supercoppa per 8:3. Altro precedente tra le due squadre nella finale del 2006, vinta dai lombardi per 6:2. Per il Renon era la quinta finale consecutiva di Supercoppa, l’ottava della sua storia.

Grande avvio dei campioni d’Italia. I “Buam” costringono il Milano ad abbassarsi nella proprio difesa. Nei primi quattro minuti di gioco l’estremo portiere Martino Valle Da Rin deve già parare otto tiri. Però proprio nel miglior momento del Renon, sono i padroni di casa a passare in vantaggio. L’ex attaccante del Vipiteno, Francis Verreault-Paul, sfrutta al 9.41 un assist di Tommaso Terzago per l’1:0. La gioia lombarda dura però soli tre minuti, quando Andreas Lutz segna in superiorità numerica il gol del pareggio. Il Renon non si ferma ed al 17° minuto si porta per la prima volta in vantaggio con il neo acquisto lettone Olegs Sislannikovs. Sul 2:1 le due formazioni vanno anche al primo riposo.

Dopo la pausa passano appena 3.12 minuti ed i “Buam” calano il tris. L’autore è sempre Sislannikovs, che trasforma un passaggio di Simon Kostner per il 3:1 Sembra tutto facile per il Renon, però il Milano non si arrende ed accorcia le distanze al minuto 27 con Guillaume Doucet. Buon momento dei lombardi, che poco dopo trovano con Simone Asinelli anche la rete del 3:3 pari.

Nell’ultimo drittel gli ospiti si portano nuovamente in vantaggio con l’altro neo-arrivato Henrik Eriksson, che realizza il 4:3. Poco dopo Andreas Lutz si deve accomodare in panca puniti. Il Milano coglie l’occasione e ristabilisce la parità con Tommaso Terzago. Poi le due squadre non riescono più a segnare e così l’incontro va all’overtime.

Nell’ overtime di 10 minuti, con la regola del sudden death e con le squadre in 3 contro 3 in pista, il Renon dimostra ancora una volta la sua infinita esperienza. Da segnalare al 63.41 un gol annullato a Lehtinen per un netto intervento di pattino dopo aver colpito il palo. Renon sempre più pericoloso col passare dei minuti e al 65.08 arriva il gol che vale la Supercoppa: Simon Kostner mette in mezzo per Tudin che tutto solo dallo slot fredda Valle Da Rin per il definitivo 5 a 4. Grande gioia per la squadra di Lehtonen, che si aggiudica la quarta Supercoppa nella sua storia, la seconda consecutiva. Grazie a questo successo, i “Buam” eguagliano anche il Bolzano nell’albo d’oro di questa competizione.

 

Milano Rossoblu – Rittner Buam 4:5 d.t.s. (1:2, 2:1, 1:1, 0:1)

Milano Rossoblu: Martino Valle Da Rin (Federico Tesini); Selan Maks-Ilic Stefan, Andrea Fadani-Francesco De Biasio, Andrea Schina-Andreas Radin, Alessandro Re; Eric Pance-Edoardo Caletti-Marcello Borghi, Simone Asinelli-Francis Verreault-Paul-Guillaume Doucet, Fabian Platzer-Aleksandr Petrov-Tommaso Terzago, Andrea Pirelli-Gianluca Tilaro-Mattia Alario
Coach: Andrew Omicioli

Rittner Buam: Thomas Tragust (Hannes Treibenreif); Kai Lehtinen-Ivan Tauferer, Christoph Vigl-Imants Lescovs, Alexander Brunner-Andreas Lutz; Olegs Sislannikovs-Henrik Eriksson-Simon Kostner, Philipp Pechlaner-Dan Tudin-Thomas Spinell, Alex Frei-Julian Kostner-Markus Spinell, Kevin Fink- Alexander Eisath-Stefan Quinz
Coach: Riku-Petteri Lehtonen

Arbitri: Simone Lega, Willy Volcan (Nicola Basso, Stefano Terragni)

Reti: 1:0 Francis Verreault-Paul (9.41), 1:1 Andreas Lutz (12.30), 1:2 Olegs Sislannikovs (17.28), 1:3 Olegs Sislannikovs (23.12), 2:3 Guillaume Doucet (27.40), 3:3 Simone Asinelli (31.04), 3:4 Henrik Eriksson (43.25), 4:4 Tommaso Terzago (45.34), 4:5 Dan Tudin (65.08)

 

L’albo d’oro della Supercoppa Italiana

2001 Milano (Asiago – Milano 1:3)
2002 Milano (Milano – Asiago 5:2)
2003 Asiago (Milano – Asiago 0:1)
2004 HC Bolzano (Milano – Bolzano 3:5)
2005 non disputata
2006 Milano (Final Four – Finale: Milano – Ritten 6:2)
2007 HC Bolzano (Cortina – Bolzano 0:1)
2008 HC Bolzano (Bolzano – Pontebba 6:3)
2009 Ritten Sport (Ritten – Bolzano 5:1)
2010 Ritten Sport (Asiago – Ritten 0:3)
2011 HC Val Pusteria (Val Pusteria – Asiago 3:1)
2012 HC Bolzano (Cortina – Bolzano 3:4r)
2013 Asiago (Asiago – Valpellice 1:0)
2014 HC Val Pusteria Lupi (Rittner Buam – Val Pusteria 3:4)
2015 Asiago (Asiago – Rittner Buam 2:1)
2016 HC Pustertal (Rittner Buam – HC Pustertal 1:3)
2017 Rittner Buam (Milano Rossoblù – Rittner Buam 3:8)
2018 Rittner Buam (Milano Rossoblu – Rittner Buam 4:5 d.t.s.)