Poker all’Asiago: il Renon vede il quinto scudetto

Importantissima vittoria esterna per i campioni d’Italia del Renon all’andata di finale dell’IHL Serie A. Sabato sera i “Buam” hanno espugnato l’Odegar di Asiago, battendo i veneti con il punteggio finale di 4:3. Già domani sera a Collalbo il Renon potrebbe vincere il suo quinto scudetto.

Anche stasera coach Riku Lehtonen ha potuto schierare il suo roster completo, mentre tra i padroni di casa mancava l’acciaccato difensore Francesco Forte. Il Renon parte nel migliore dei modi: dopo soli 63 secondi ci pensa il solito bomber caldarese Alex Frei a trasformare un assist di Simon Kostner per l’1:0. Poi non succede più nulla fino a metà gara, quando l’Asiago trova il gol del pareggio con Matteo Tessari, che supera Thomas Tragust nella porta dei “Buam”. Al 31.05 i padroni di casa ribaltano il match: Robert Bina segna in superiorità numerica la rete del sorpasso. Su questo punteggio si chiude anche la seconda frazione. Nell’ultimo periodo il Renon dimostra ancora una volta tutta la sua qualità e ribalta nuovamente il risultato. Al 47.25 Henrik Eriksson ristabilisce la parità, soli 44 secondi più tardi Stefan Quinz si fa trovare pronto, realizzando il gol del 3:2. L’Asiago comunque non si arrende ed a sei minuti dal termine trova anche la rete del pareggio con Jose Magnabosco. La partita decide però come sempre Frei. Al 56.06 il bomber caldarese batte Frederic Cloutier per la quarta volta. Inutile gli ultimi disperati tentativi della compagine veneta. Finisce con il sofferto ma importantissimo successo dei “Buam”.

Domani il decisivo match di ritorno

Neanche fra 24 ore ci sarà in programma il match di ritorno della finale IHL Serie A. Alle ore 18.00 i “Buam” ospiteranno all’Arena Ritten gli “Stellati”. Al Renon basta un pareggio per aggiudicarsi il suo quinto scudetto. A Collalbo i ragazzi di Lehtonen sono praticamente imbattibili: sono infatti 14 i successi in 15 uscite stagionali nell’AlpsHL.

 

Asiago Hockey – Rittner Buam 3:4 (0:1, 2:0, 1:3)

Asiago Hockey: Frederic Cloutier (Andrea Longhini); Phil Pietroniro-Alexander Gellert, Enrico Miglioranzi-Robert Bina, Chad Pietroniro-Lorenzo Casetti, Jozef Foltin; Matteo Tessari-Marco Rosa-Anthony Bardaro, Davide Conci-Mark Allan Naclerio-Jose Magnabosco, Michele Marchetti-Michele Stevan-Fabrizio Pace, Simone Olivero-Davide Dal Sasso-Federico Benetti
Coach: Ron Ivany

Rittner Buam: Thomas Tragust (Hannes Treibenreif); Andreas Lutz-Tobias Brighenti, Ivan Tauferer-Christoph Vigl, Patrik Luza-Imants Lescovs, Alexander Brunner-Manuel Öhler; Olegs Sislannikovs-Dan Tudin-Thomas Spinell, Alex Frei-Henrik Eriksson-Simon Kostner, Stefan Quinz-Julian Kostner-Markus Spinell, Kevin Fink-Alexander Eisath-Philipp Pechlaner
Coach: Riku-Petteri Lehtonen

Arbitri: Alex Lazzeri, Samuel Turo (Matthias Cristeli, Ulrich Pardatscher)

Reti: 0:1 Alex Frei (1.03), 1:1 Matteo Tessari (26.46), 2:1 Robert Bina (31.05), 2:2 Henrik Eriksson (47.25), 2:3 Stefan Quinz (48.09), 3:3 Jose Magnabosco (53.55), 3:4 Alex Frei (56.06)