Alex Frei rimane a Collalbo

Proseguono i rinnovi in casa dei campioni d’Italia del Renon. Il club dell’altopiano ha prolungato per la prossima stagione di AHL il contratto del bomber caldarese Alex Frei. Inoltre a Collalbo è stata confermata anche la giovane promessa Philipp Pechlaner.

Si è discusso tanto in questi mesi sul rinnovo di Frei. Il 25enne bomber, corteggiato da diversi top club, ha però deciso di proseguire la sua avventura con i “Buam” ed è dunque pronto ad affrontare la sua quinta stagione nel team di Collalbo. L’attaccante è passato ai “Buam” nel 2012 e, nel corso della sua prima stagione a Collalbo, è stato vittima di un serio infortunio alla testa, che, di fatto, lo ha costretto a restare lontano dal ghiaccio nell’annata successiva. Nel 2014 Frei ha ripreso a giocare, prima a Caldaro e successivamente a Milano, per poi fare ritorno nel 2015 al Renon. L’attaccante ha disputato complessivamente 199 incontri con la maglia dei campioni d’Italia in carica, realizzando ben 124 punti. Quest’anno il bomber di Caldaro, schierato quasi sempre nella terza e quarta linea d’attacco, ha disputato una stagione strepitosa, mettendo a segno 35 reti e 18 assist nelle 60 partite disputate. Nessun’altro giocatore nella rosa del Renon ha segnato così tante reti come Frei. Nell’Alps Hockey League, solamente l´asiaghese Anthony Bardaro (37 reti) ha realizzato più gol dell´attaccante del Renon (32). Nella corsa verso il titolo MVP, il numero 21 del Renon si è piazzato al quarto posto finale.

Anche la giovane promessa locale Philipp Pechlaner è stato confermata per la stagione 2018-19. Il 19enne attaccante, che già due anni fa ha debuttato nella prima squadra del Renon, l’anno scorso in 37 presenze ha segnato un gol, nell’8:4 ottenuto contro il Bregenzerwald.

La rosa attuale dei Rittner Buam 2018-19

portieri
Thomas Tragust (1986)
Hannes Treibenreif (1997)

difensori
Andreas Lutz (1986)
Kai Lehtinen (FIN/1991)
Imants Lescovs (LAT/1994)
Christoph Vigl (1994)
Ivan Tauferer (1995)

attaccanti
Dan Tudin (1978)
Alexander Eisath (1986)
Simon Kostner (1990)
Thomas Spinell (1990)
Alex Frei (1993)
Henrik Eriksson (SWE/1996)
Olegs Sislannikovs (LAT/1996)
Markus Spinell (1997)
Philipp Pechlaner (1999)

allenatore
Riku-Petteri Lehtonen
Janne Saavalainen (assistente)

Un altro lettone arriva a Collalbo

Dopo l’ingaggio di ieri di Olegs Sislannikovs, venerdì i campioni d’Italia del Renon hanno acquistato un altro giocatore lettone. Imants Lescovs rinforzerà il prossimo inverno la difesa dei “Buam”.

Il 23enne difensore (1,86m x 83kg) ha iniziato la sua carriera hockeistica otto anni fa nella sua squadra di casa Daugavpils. Dopo due stagioni nel campionato lettone Under 18, Lescovs si trasferisce al Prizma Riga, dove gioca sia nel maggior campionato lettone che nella MHL B, un campionato giovanile della KHL. Lescovs scende 140 volte sul ghiaccio e realizza 79 punti (36 reti e 43 assist). Nella stagione 2013-14 arriva la chiamata del MHL Zelenograd in MHL B. Con la formazione russa gioca due stagioni da protagonista: 91 presenze e 66 punti il bottino del difensore lettone. Soprattutto i 50 punti nella seconda annata richiamano l’interesse di diversi top club.

Nel 2016 Lescovs passa al Mont-Blanc, squadra che milita nel secondo campionato francese. L’esperienza francese dura appena sei partite, poi torna in Lettonia nella squadra di casa Daugavpils, con la quale vince anche il suo primo campionato. Lescovs in sei gare di playoff segna 3 reti e 9 assist. Poi il difensore firma con il Liepaja, squadra che gioca nel maggior campionato. Lescovs disputa un’altra stagione da protagonista, chiusa con 30 punti in 34 uscite. Inoltre gioca la Continental Cup, dove segna quattro reti in tre partite. In quest’annata Lescovs debutta anche con la nazionale maggiore nella Coppa Baltica e gioca pure cinque partite con la Dinamo Riga nel campionato russo KHL. L’anno scorso Lescovs ha giocato in Lettonia a Zemgale, conquistando 16 punti in 35 presenze ed il tirolo di vice-campione. Ora Lescovs inizia la sua nuova avventura con i “Buam”.

La rosa attuale dei Rittner Buam 2018-19

portieri
Thomas Tragust
Hannes Treibenreif

difensori
Imants Lescovs (LAT)
Kai Lehtinen (FIN)
Andreas Lutz
Ivan Tauferer
Christoph Vigl

attaccanti
Henrik Eriksson (SWE)
Olegs Sislannikovs (LAT)
Dan Tudin
Alexander Eisath
Simon Kostner
Thomas Spinell
Markus Spinell

allenatore
Riku-Petteri Lehtonen
Janne Saavalainen (assistente)

Altro colpo del Renon: preso Olegs Sislannikovs

Continua il mercato in entrata per i campioni d’Italia del Renon. Giovedì i “Buam” hanno chiuso l’operazione per portare a Collalbo l’attaccante lettone Olegs Sislannikovs. La 21enne ala si trasferisce dal Kitzbühel al Renon.

Sislannikovs, dopo Henrik Eriksson, è il secondo giocatore che passa dalla formazione austriaca ai campioni d´Italia. L’attaccante, alto 1,78 m, è cresciuto nella squadra giovanile dello SK Riga. Nel 2011 gioca per un anno nel campionato Under 18, prima di fare il salto nel maggior campionato, dove in due stagioni colleziona 59 presenze e 40 punti (14 gol e 26 assist). Nel 2015 firma con lo Juramala HASC. Dopo solo 15 presenze passa allo Ogre/Saga, dove disputa altre nove partite. Sempre nello stesso anno Sislannikovs festeggiata il suo debutto con la nazionale Under 20 lettone, con la quale nel 2016 si laurea addirittura campione del mondo.

Tre anni fa l’attaccante passa all’HK Riga nel campionato giovanile della KHL, la MHL. Sislannikovs gioca una stagione da protagonista, chiusa con 36 punti in 42 uscite. Dopo una sola stagione ritorna in Lettonia all’HS Riga, dove conferma le sue prestazioni. Chiude l’annata con 50 punti (28 reti e 22 assist) in 29 presenze, togliendosi anche la soddisfazione di essere il miglior scorer della sua squadra. Le sue prestazioni richiamano l’interesse di diversi top club. Sislannikovs sceglie l´Alps Hockey League e l’EC Kitzbühel. Anche in AHL il lettone dimostra di essere un grande giocatore, realizzando 50 punti in 40 partite. Soprattutto i suoi 31 assist lo confermano un ottimo assist man. Sislannikovs chiude la stagione come miglior realizzatore della sua squadra ed 11° scorer dell’AHL. Ora l’ala lettone cercherà di mettersi in luce pure a Collalbo.

Un difensore finlandese arriva a Collalbo

Fase calda nel mercato per i campioni d’Italia del Renon: lunedì pomeriggio i “Buam” hanno ingaggiato il difensore finlandese Kai Lehtinen.

Il 27enne di Vilala è il terzo acquisto del Renon, dopo il portiere Thomas Tragust e l’attaccante Henrik Eriksson. Lehtinen (1,83 m x 84 kg) è cresciuto nel settore giovanile dell’Espoo Blues, dove ha giocato dal 2006 al 2010. Proprio otto anni fa ha festeggiato anche il debutto nella Nazionale Under 20 finlandese. Dopo un’altra stagione nel campionato Juniores, Lehtinen si trasferisce al Vaasan Sport, squadra che milita nel secondo campionato finlandese “Mestit”. Il difensore vince subito il campionato e dal 2011 al 2011 realizza in 121 partite di campionato 24 punti.

Poi Lehtinen si trasferisce, sempre nella Mestit, al Savonlinnan Pallokerho. Con la squadra finlandese gioca due stagioni da protagonista, totalizzando ben 59 punti in 116 partite. Soprattutto i suoi 40 assist lo mettono in scena come grande assist man. Ad inizio della stagione 2016-17 Lehtinen gioca con lo JYP rispettivamente due partite nella Liiga (maggior campionato finlandese) e nella Champions Hockey League. Sempre nella stessa stagione, il difensore scende sul ghiaccio altre 39 volte con la seconda squadra dello JYP, prima di chiudere l’anno con l’Espoo United nella Mestit. Lehtinen viene poi riconfermato e l’anno scorso chiude la sua esperienza con l’Espoo con 11 gol e 17 assist in complessivamente 50 partite.

Roland Hofer lascia i “Buam”

Lehtinen sarà sicuramente un erede all’altezza di Roland Hofer, che lascia i “Buam” dopo due anni di grandi successi. Ad inizio estate il Renon è partito con l’idea di giocare con soli due stranieri, però viste le partenze del capitano Christian Borgatello ed appunto di Hofer, la società ha deciso di giocare anche quest’anno l´AHL con quattro stranieri.

Il Renon conferma cinque attaccanti locali

Altre conferme per il Renon: mercoledì i “Buam” hanno prolungato per la prossima stagione di AHL anche i contratti degli attaccanti locali Dan Tudin, Alexander Eisath, Simon Kostner e dei fratelli Thomas e Markus Spinell.

L’attaccante italo-canadese Dan Tudin rimane anche il prossimo inverno sul Renon. Tudin, 40 anni il prossimo 3 agosto, inizia la sua 13° stagione a Collalbo. L’esperto giocatore è dalla stagione 2006-07 sull’altipiano ed ha raccolto finora per i “Buam” in 634 partite di campionato ben 662 punti (299 gol e 363 assist). Tudin è così anche il giocatore con più punti e reti segnati nella storia del Renon. Il centro ha festeggiato con il Renon tutti i grandi successi ottenuti dalla società di Collalbo. Nel 2014, 2016, 2017 e 2018 ha vinto lo scudetto, inoltre ha conquistato tre Coppe Italia (2010, 2014, 2015) ed altrettante Supercoppe italiane (2010, 2011 e 2018) ed l’Alps Hockey League 2017. L’anno scorso ha contribuito con ben 49 punti in maniera decisiva alla conquista del “double”.

La carriera dell’attaccante di Ontario è iniziata in ECHL: dapprima con i Colombus Cottonmouths (2003/2004), poi con i Las Vegas Wranglers (dal 2004 al 2006 con cinque gettoni in AHL). In ECHL ha messo a segno 172 punti in 209 gare. Nel 2006 si è poi trasferito in Europa. Dal 2012 al 2016, Tudin, sposato tra l’altro con una ragazza del Renon, ha anche giocato con la nazionale azzurra tutti i Mondiali.

Alexander Eisath, 31enne, ha giocato dieci campionati con il Renon, i primi tre dal 2002 al 2005, poi è tornato a far parte della rosa del team di Collalbo a partire dal 2011. Nel mezzo un’esperienza negli Stati Uniti, che lo ha visto prima giocare in AJHL con i Northern Cyclones e successivamente con Salem State College in NCAA III. Eisath ha toccato quota 412 partite in maglia dei “Buam”, mettendo a segno 76 punti (30 reti, 46 assist). L’anno scorso ha giocato una stagione da protagonista, conquistando 14 punti, record personale.

Anche il 27enne gardenese Simon Kostner proseguirà la sua esperienza con i Buam. Approdato sull’altopiano nell’estate 2014, dopo un’annata in Serie A trascorsa con il Fassa, il giocatore ladino ha collezionato, negli ultimi quattro campionati, 243 presenze, mettendo a segno 171 punti. Formatosi nel settore giovanile del Gherdeina, Simon Kostner si è trasferito all’estero giovanissimo, militando, dal 2006 al 2008, nella lega giovanile tedesca DNL con la formazione Under 18 di Mannheim. Successivamente l’attaccante ha fatto tappa in Finlandia, dove, dopo tre annate trascorse nella Junior A SM-liiga, ha esordito nel torneo Mestis, nel quale ha giocato sino al 2013, collezionando, in questo periodo, anche 4 gettoni in Liiga. A Collalbo, Kostner ha conquistato anche i sui primi trofei in Italia. Oltre alla “doppietta” quest’anno tra Serie A e Supercoppa, si è aggiudicato altri due scudetti (2016 e 2017), l’AHL 2017 e nel 2015 la Coppa Italia.

Confermato anche Thomas Spinell. Il 27enne beniamino prosegue la sua avventura con i “Buam” e giocherà dunque, come Eisath, la sua decima stagione con il Renon. L’attaccante ha esordito in Serie A nel 2009 ed in 447 partite ha realizzato ben 215 punti (82 reti). Spinell a Collalbo è anche una garanzia per quanto riguarda i titoli vinti. Infatti sono già 11: quattro scudetti (2014, 2016, 2017 e 2018), tre Coppe Italia (2010, 2014 e 2015), tre Supercoppe (2009, 2010 e 2018) e lo storico titolo AHL.

Anche per suo fratello minore Markus Spinell, che sabato festeggerà il suo 21° compleanno ed è uno dei giocatori più giovani nella rosa del Renon, la prossima sarà la quinta annata tra le fila della prima squadra dei “Buam”. Il giovane prodotto del vivaio ha disputato finora 193 incontri, impreziositi da 87 punti (32 gol e 55 assist). Nonostante la sua giovane età, Spinell si è già laureato tre volte campione d’Italia ed ha vinto una volta la Coppa Italia, la Supercoppa e l’AHL.

La rosa attuale dei Rittner Buam 2018-19

portieri
Thomas Tragust
Hannes Treibenreif

difensori
Andreas Lutz
Ivan Tauferer
Christoph Vigl

attaccanti
Henrik Eriksson (SWE)
Dan Tudin
Alexander Eisath
Simon Kostner
Thomas Spinell
Markus Spinell

allenatori
Riku-Petteri Lehtonen
Janne Saavalainen (assistente)

Quattro conferme al Renon

Proseguono i rinnovi in casa dei campioni d’Italia del Renon. Il club dell’altopiano, dopo aver confermato coach Lehtonen ed ingaggiato il portiere Thomas Tragust e l’attaccante Henrik Eriksson, ha ora anche prolungato i contratti per la prossima stagione di AHL con i difensori Ivan Tauferer, Christoph Vigl, Andreas Lutz e con il portiere Hannes Treibenreif.

Ivan Tauferer e Christoph Vigl, laureatisi quattro anni fa campioni d’Italia con la formazione Under 20 del Renon, hanno sempre giocato a Collalbo. Il 23enne Tauferer ha vinto con la prima squadra oltre il double quest’anno (Serie A e Supercoppa), anche altri tre scudetti (2014, 2016 e 2017), due Coppe Italia (2014 e 2015) e l’anno scorso l’Alps Hockey League. Vigl vanta tre trofei in meno, avendo giocato nel 2014 e 2015 nella squadra juniores.

Tauferer, 1,92m x 95 kg, ha collezionato finora 270 presenze nella prima squadra dei “Buam”. Il 23enne difensore ha anche debuttato tre anni fa nella nazionale A italiana. L’anno scorso Tauferer ha chiuso la stagione con 18 punti (3 reti e 15 assist) realizzati in 52 uscite. Il 24enne Vigl è invece a quota 130 presenze: l´anno scorso ha servito due assist.

Andreas Lutz inizierà la sua terza stagione con la formazione di Collalbo. Il 32enne difensore meranese, dopo cinque stagioni al Pontebba, quattro a Milano e due campionati giocati da protagonista ad Asiago, è tornato lo scorso luglio al Renon, dove ha già giocato nel 2005/06. Lutz (1,81m x 84 kg) è cresciuto nel settore giovanile del Merano. Qui ha anche debuttato nel 2002, a soli 16 anni, nella Serie A nazionale. Nel 2005 è passato al Renon, dove ha realizzato 14 punti in 54 partite di campionato. Dal 2006 al 2011 ha giocato a Pontebba. In 167 partite ha realizzato 89 punti e nel 2008 si è aggiudicato con la formazione friulana la Coppa Italia. Poi Lutz ha iniziato l’avventura a Milano. Con la squadra meneghina ha conquistato subito il titolo di Serie A2 e la promozione nel massimo campionato italiano. In quattro stagioni e 189 partite, Lutz ha totalizzato ben 177 punti (51 reti). Nel 2015 il difensore, che è in possesso di tutte le caratteristiche tecniche e tattiche per trasmettere sicurezza ed esperienza all’intera difesa, si è trasferito ad Asiago, dove è stato spesso impiegato anche in attacco. Nel 2015 ha vinto con l’Asiago la Supercoppa italiana. Al Renon Lutz ha giocato l´anno scorso una stagione da protagonista, dove, oltre a 12 reti, ha servito anche 27 assist in 64 gare stagionali.

Confermato Treibenreif

Conferma anche per il portiere Hannes Treibenreif. Il 21enne beniamino locale ha già giocato l’anno scorso nove partite in AHL, festeggiando addirittura due shutout. Soprattutto i 91,8% dei tiri parati lo confermano un portiere affidabile, che farà sicuramente comodo a Lehtonen. Anche in questa stagione i “Buam” puntano nuovamente su di lui.

Altro colpo del Renon: arriva Henrik Eriksson

Dopo aver ingaggiato l’estremo difensore Thomas Tragust, i campioni d’Italia del Renon si rinforzano anche in attacco. Dall’EC Kitzbühel arriva lo svedese Henrik Eriksson.

Il 22enne scandinavo ha iniziato a giocare nel settore giovanile della sua squadra di casa Abyggeby IK. Dal 2011 al 2013 Eriksson ha vestito poi la maglia del Brynäs, dove ha collezionato nelle formazioni Under 16 e 18 in totale 43 presenze e 25 punti (otto reti e 17 assist). Dopo due stagioni si è trasferito a Södertälje, società per la quale ha anche esordito nella SuperElit, maggior campionato svedese Juniores. Un anno dopo il centro svedese (1,86 m x 81 kg) è esploso, raccogliendo in 45 uscite 24 punti. Nell’estate del 2015 arriva così la chiamata del Mora IK, squadra che milita nello stesso campionato. Eriksson ha migliorato ulteriormente le sue statistiche, chiudendo la sua stagione con 47 punti (19 gol e 28 assist) in 43 presenze. Grazie alle sue ottime prestazioni, arriva anche il debutto nell’Allsvenskan, la seconda lega svedese. Dopo una deludente seconda stagione al Mora, Eriksson inizia una nuova avventura con l’EC Kitzbühel nell’Alps Hockey League. Con gli austriaci gioca una stagione da protagonista, chiudendo la Regular Season con 48 punti. Soprattutto i suoi 30 assist lo consacrano come uno dei miglior assist-man del campionato. L’attaccante svedese ha dimostrato la sua qualità anche contro il Renon: all’andata persa per 3:1 a Collalbo ha segnato l’unico gol austriaco, al ritorno a Kitzbühel, vinto per 6:5 ai supplementari, ha servito tre assist. Ora Eriksson andrà a caccia di punti con la maglia dei “Buam”.

Thomas Tragust è il nuovo numero 1 a Collalbo

Dopo la conferma di coach Riku Lehtonen e l’ingaggio del suo vice Janne Saavalainen, i Rittner Buam hanno piazzato giovedì anche il primo acquisto di questa stagione. Dal Val Pusteria arriva l’estremo difensore Thomas Tragust.

Il portiere canadese Patrick Killeen lascerà invece, dopo due anni ricchi di successi, il Renon in direzione Gran Bretagna. Il 31enne Tragust di Coldrano, che nelle ultime due stagioni ha vestito la maglia del Val Pusteria, inizia la sua carriera hockeistica nel Merano, dove esordisce in Serie A nella stagione 2003/04. Nel 2006, dopo aver dispitato un ottimo mondiale, si trasferisce negli Stati Uniti ai Texas Tornado, dove disputa il campionato Juniores della North American Hockey League. Dopo l’esperienza americana ritorna in Italia sponda Fassa. Dopo due stagioni passa  all’ESV Kaufbeuren, formazione che milita nella DEL2. Il 31enne azzurro rimane 12 mesi nelle file della squadra bavarese, prima di trasferirsi nel 2010 ai Vipiteno Broncos in Serie A2. Tragust vince subito il campionato e nel 2012 va ad Innsbruck nell’EBEL.

Dopo una sola stagione con gli squali, Tragust viene chiamato dall’Appiano, dove il venostano, oltre ad aggiudicarsi di nuovo la Serie A2, debutta anche con la maglia Renon, essendo l’Appiano il farmteam dei “Buam”. Poi gioca con l’Egna ed il Fassa, prima di firmare nel 2016 con il Val Pusteria. Qui conclude la sua prima stagione con la miglior percentuale parate, aiutando ai “Lupi” a terminare la Regular Season della AHL al secondo posto alle spalle del Renon. Inoltre in questa stagione vince anche la Supercoppa Italiana, proprio a Collalbo contro i “Buam”. Tragust è stato anche un punto fermo della Nazionale: sono 65 le presenze in maglia azzurra. Tragust inizierà ora questa nuova sfida con il Renon. Il 31enne allenerà anche  i portieri delle formazioni giovanili dei “Buam”. Quest’ anno il Renon vuole dare maggior spazio ai giovani del vivaio. L’ anno scorso la squadra dell’altopiano ha vinto sia il titolo tricolore Under 19, sia quello Under 17. I “Buam” vorrebbero inserire i migliori giocatori di queste due squadre nel roster della prima formazione

Borgatello lascia il Renon

Purtroppo invece non farà più parte della squadra del Renon il difensore Christian Borgatello. Il 36enne meranese, dopo quattro anni ai “Buam”, non ha più trovato la motivazione giusta per rimanere a Collabo. “Noi volevamo tenere Borgatello e gli abbiamo anche proposto un nuovo contratto, ma purtroppo non ha accettato. Peccato, però posso capire la sua decisione. Abbiamo trascorso insieme 4 bellissime stagioni, vincendo quasi tutto. Dobbiamo dolo dire grazie al nostro capitano e gli auguriamo ancora tante soddisfazioni”, afferma il presidente Thomas Rottensteiner.

Il Renon conferma Lehtonen – Saavalainen nuovo assistente

Un mese dopo aver perso la finale AHL contro l’Asiago, ci sono di nuovo buone notizie in casa Renon. Infatti, i Rittner Buam hanno riconfermati per la nuova stagione l’allenatore Riku-Petteri Lehtonen. Inoltre i “Buam” aggiungono anche un altro tassello al loro roster: il finlandese Janne Saavalainen sarà il nuovo assistente di Lehtonen.

Questi ingaggi confermano la voglia del Renon di volere competere al vertice anche nella prossima stagione. Lehtonen, oltre aver vinto gli scudetti 2016, 2017 e 2018, due stagioni fa si è anche aggiudicato il primo storico trionfo nell’AHL. Nella stagione appena conclusa, il coach finlandese ha vinto, al terzo tentativo, la sua prima Supercoppa Italiana. Inoltre ha raggiunto nelle ultime due stagioni due volte la finale della Continental Cup, portando in tre stagioni ben cinque trofei a Collalbo. Numeri da campione.

Prima del suo incarico sul Renon, il 47enne di Turku aveva ricoperto principalmente il ruolo di assistant coach nella Liiga finlandese, fatta eccezione per una breve parentesi da capo allenatore con il TPS. Da giocatore, Lehtonen ha vestito in Italia la casacca del Milano, aggiudicandosi, sotto la guida di Adolf Insam, gli scudetti 2005 e 2006.

Janne Saavalainen nuovo assistente

Come assistente è stato scelto un altro finlandese, Janne Saavalainen, che occuperà il posto lasciato libero da Erwin Kostner. Il gardenese, per due anni la mano destra di Lehtonen, rimane comunque in società ed allenerà gli Under 13 e 15 del Renon. Saavalainen 17 anni fa ha intrapreso la carriera da allenatore. Dopo un inizio con le giovanili del Kapla, squadra che milita nel campionato finlandese, il 45enne nel 2006 si è trasferito in Norvegia, dove ha allenato per una stagione gli Under 19 del Furuset. Poi il ritorno in Finlandia, nuovamente a Kalpa, prima di trascorrere due stagioni da Head Coach con l’Under 20 del TPS. Nel 2010 comincia la sua avventura con il Tappara, dove rimane sei anni. Nel 2016-17 Saavalainen ha allenato per una stagione la prima squadra norvegese Kongsvinger Knights. Ora darà una mano sia a Riku Lehtonen che al settore giovanile.“Sono molto contento di fare parte di questo gruppo. Ho molto da dare a questa società ed ai giocatori e non vedo l’ora di cominciare questa nuova avventura con Lehtonen. Conosco Riku, abbiamo più o meno la stessa filosofia dell’hockey su ghiaccio. Nella mia carriera ho lavorato spesso con giocatori giovani, la mia esperienza ci servirà sicuramente”, queste le prime parole di Saavalainen.

A Saavalainen e Lehtonen spetta anche il compito di chiudere il gap tra le squadre giovanili e la prima squadra. I due finlandesi cercheranno di migliorare le potenzialità tecniche e fisiche dei giocatori, con l’obiettivo di integrarli al meglio nella prima squadra.

Confermati Holba e Frisch

Oltre a Saavalainen e Lehtonen, gli daranno una mano anche Stan Holba e Herbert Frisch.  Jozef Budaj invece per motivi familiari non ritornerà a Collalbo. Confermati inoltre come preparatori atletici Hanno Kamaun e Manuel Klemera.

L’Asiago vince l´Alps Hockey League

La Migross Asiago (Foto: David S. Wassagruba) è il nuovo campione dell´Alps Hockey League. Domenica sera gli stellati si sono imposti in casa nella decisiva, settima gara della finale playoff sui Rittner Buam per 7:5. Sfuma così il sogno del Renon di bissare il successo ottenuto l´anno scorso e di difendere il titolo.

All’Odegar di Asiago, esaurito in ognio ordine di posto, i padroni di casa iniziano nel migliore dei modi. Dopo appena 74 secondi Michele Stevan porta i suoi in vantaggio. Passano 11.53 minuti e l’Asiago trova il raddoppio, grazie alla solita rete di Anthony Nigro. Però la gioia degli stellati dura soli 19 secondi, quando l’attaccante gardenese Simon Kostner accorcia le distanze sul 2:1. A tre minuti dalla fine del primo periodo Marco Rosa riporta l’Asiago sul doppio vantaggio. Così dopo 20 minuti il risultato sorride a favore della formazione veneta.

Ad inizio del periodo centrale i “Buam” segnano subito con Edoardo Caletti il gol del 3:2. Neanche due minuti più tardi Jose Antonio Magnabosco segna però la quarta rete dei padroni di casa. Subito dopo Nigro si deve accomodare in panca puniti. Il Renon, micidiale come sempre in superiorità numerica, accorcia le distanze con Thomas Spinell. Però la squadra di Lehtonen non ha voglia di fermarsi e pareggia dopo 29.01 minuti grazie alla doppietta di Simon Kostner. Così la partite all’improvviso si è riaperta. L’Asiago si riprende da questo colpo, trova prima dell´ultimo intervallo altre due reti con Magnabosco e Stevan ed allunga sul 6:4.

Nell’ultimo periodo il Renon cerca disperatamente di ritornare in partita. A quattro minuti dalla sirena finale Thomas Spinell trova il gol del 5:6. Gli arbitri controllano il video, tutto è regolare. Le speranze dei “Buam” si spengono però dieci secondi più tardi, quando Davide Conci segna una sassata sotto l’incrocio dei pali. La formazione di Lehtonen si arrende: i detentori del titolo non riescono più a rialzarsi e così questa infinita serie finale finisce con il meritato successo degli stellati per 4:3. Per l´Asiago è il primo trionfo in AHL.

 

Migross Asiago – Rittner Buam 7:5 (3:1, 3:3, 1:1)

Migross Asiago: Frederic Cloutier (Andrea Longhini); Lorenzo Casetti-Alexander Gellert, Enrico Miglioranzi-Michael Sullivan, Francesco Forte-Phil Pietroniro; Fabrizio Pace-Marco Rosa-Anthony Bardaro, Giulio Scandella-Anthony Nigro-Federico Benetti, Simone Olivero-Michele Stevan-Jose Antonio Magnabosco, Davide Conci-Davide Dal Sasso-Josef Foltin
Coach: Tom Barrasso

Rittner Buam: Patrick Killeen (Hannes Treibenreif); Christian Borgatello-Ivan Tauferer, Brad Cole-Hanno Tauferer, Andreas Lutz-Maximilian Ploner, Philipp Pechlaner; Oscar Ahlström-Victor Ahlström-Simon Kostner, Kevin Fink-Dan Tudin-Thomas Spinell, Alex Frei-Julian Kostner-Tommaso Traversa, Christoph Vigl-Edoardo Caletti-Johannes Fauster
Coach: Riku-Petteri Lehtonen

Arbitri: Miha Bulovec, Alex Lazzeri (Federico Giacomozzi, Sebastian Tschrepitsch)

Reti: 1:0 Michele Stevan (1.14), 2:0 Anthony Nigro (11.53), 2:1 Simon Kostner (12.12), 3:1 Marco Rosa (17.21), 3:2 Edoardo Caletti (24.54), 4:2 Jose Antonio Magnabosco (26.14), 4:3 Thomas Spinell (27.31), 4:4 Simon Kostner (29.01), 5:4 Jose Antonio Magnabosco (33.16), 6:4 Michele Stevan (37.47), 6:5 Thomas Spinell (56.28), 7:5 Davide Conci (56.38)

Tiri in porta: Asiago 28 – Renon 24

Spettatori: 1800

 

AHL, gara 7 finale playoff (best of seven) – domenica 15 aprile 2018

Migross Asiago – Rittner Buam 7:5 (3:1, 3:3, 1:1)
1:0 Michele Stevan (1.14), 2:0 Anthony Nigro (11.53), 2:1 Simon Kostner (12.12), 3:1 Marco Rosa (17.21), 3:2 Edoardo Caletti (24.54), 4:2 Jose Antonio Magnabosco (26.14), 4:3 Thomas Spinell (27.31), 4:4 Simon Kostner (29.01), 5:4 Jose Antonio Magnabosco (33.16), 6:4 Michele Stevan (37.47), 6:5 Thomas Spinell (56.28), 7:5 Davide Conci (56.38)

serie best of seven: Migross Asiago – Rittner Buam 4:3 (3:0, 2:3 d.t.s., 5:1, 0:2, 2:1, 2:3, 7:5) – l’Asiago è campione AHL